"Per fare un film di successo non basta avere un mucchio di idee: è indispensabile presentarle con CURA e avere una totale CONSAPEVOLEZZA della FORMA."

Alfred Hitchock
Siamo architetti

Qui abbiamo voluto partire da una citazione del Maestro Hitchcok. In questa sua visione infatti c’è la sintesi ideale della nostra idea di processo creativo.

Studio Cacurio realizza FORME per l’organizzazione dello SPAZIO. Propone IDEE e sviluppa REALTA’.

Idee e Processi Creativi

Architettura di schemi abitativi con significato. Contenuti e progettualità che hanno scopo di essere nella misura in cui si CON-formano a chi ne usufruirà, nel rispetto delle caratteristiche dei soggetti, dei conseguenti modi d’uso e delle personalità.

Studio Cacurio interpreta la sua singolarità (in alternativa: eccezionalità o unicità) nel “saper leggere” il cliente offrendogli un elaborato di architettura VERA, una forma di spazio adeguata al suo sentire. Come deve essere: non «estranea» bensì partecipativa di esigenze e desideri.

COSA ABBIAMO REALIZZATO?

Abitare

Creatività è conquista. Abbiamo la convinzione che la creatività, soprattutto nel proporre Soluzioni Abitative

Design

La passione per la progettazione si è sviluppata anche tramite il percorso professionale nel disegno di stile.

commerciale

La progettazione di spazi commerciali una seria ed approfondita fase di ascolto e valutazione delle esigenze pratiche
BIO & LOGOS

“Le COSE più IMPORTANTI per essere felici in questa VITA sono l'avere qualcosa da FARE, qualcosa da AMARE e qualcosa in cui SPERARE.”

Joseph Addison

Antonio Cacurio
Architetto. Padre. Runner.

Architettura di schemi abitativi con significato. Contenuti e progettualità che hanno scopo di essere nella misura in cui si CON-formano a chi ne usufruirà, nel rispetto delle caratteristiche dei soggetti, dei conseguenti modi d’uso e delle personalità.

Studio Cacurio interpreta la sua singolarità (in alternativa: eccezionalità o unicità) nel “saper leggere” il cliente offrendogli un elaborato di architettura VERA, una forma di spazio adeguata al suo sentire. Come deve essere: non «estranea» bensì partecipativa di esigenze e desideri.

“È nata per un caso della vita. Ed è cresciuta e cresce nel tempo.” (Architetto Antonio Cacurio).

Questo è il modo in cui Antonio descrive la passione per l’architettura che pervade, giorno dopo giorno, la storia di Studio Cacurio.

«Si tratta in effetti di un vero e proprio coinvolgimento, dato che, secondo la mia visione, un elemento fondante dell’impegno quotidiano in architettura è la continua EVOLUZIONE. Recepire la continuità innovativa, il cambiamento, l’interpretare il “movimento” delle esigenze delle persone: tutto ciò va “letto e accolto” nella professione. Riguarda la relazione con gli individui, i caratteri e le storie di ciascuno.

Dialogo in continuazione con gli interessi delle persone, i clienti e la loro modalità di vita. Come in un confronto a specchio realizzo ambienti e location basandomi sulla lettura dei valori personali. Scelgo cosa proporre tenendo ben presenti le storie di vita e quotidianità che mi vengono raccontate; definisco gli spazi ponendo al centro SEMPRE l’abitare su misura.»

Nella fase di ascolto infatti, quella iniziale, il progetto parte dagli spunti che i committenti offrono. Antonio pone le basi fino a dove è richiesto e fino al valore (in senso lato) che viene attribuito.

Successivamente, nel periodo di creazione della relazione, subentra l’opportunità di far immaginare, di concertare esigenze e opportunità che spesso la persona non vede ma che l’architetto ha il dovere di presentare, sempre in coerenza e ad incastro con la richiesta. Questo è il modo di Studio Cacurio.

“Proiettiamo di continuo una parte di noi come nella teoria dello specchio. Nelle nostre proposte si applica ciò che è parte di noi. Per questa ragione è fondamentale la conoscenza delle persone e, nella relazione cliente-architetto, stabilire la corretta connessione”

Antonio Cacurio

Nello Studio si creano IDEE su come abitare e vivere lo spazio. Oltre alla forma e allo stile si considera il complesso normativo, che è imprescindibile.

È in questa parte del lavoro che un’idea specifica di forma diventa IL PROGETTO, concreto e realizzabile.

«Questa è la competenza che garantiamo: esperienza e tecnica composte in una forma ideale…Ideale ma nondimeno ragionata e realizzabile.»